Expert System: ampliamento della base azionaria

Modena, 10 febbraio 2016

– Expert System, società leader nello sviluppo di software semantici per la gestione strategica delle informazioni e dei big data, quotata sul mercato AIM di Borsa Italiana, comunica che nei giorni scorsi è stato perfezionato da parte di un socio finanziario, non rilevante ai sensi del Regolamento AIM Italia, il trasferimento di circa 605 mila azioni Expert System, corrispondenti ad una quota del capitale pari a circa il 2,4%, allo scopo di allargare la base azionaria della Società e di favorire l’ingresso nel flottante di nuovi investitori stabili.

Si rende noto che la cessione di tali azioni, detenute dal suddetto socio finanziario a seguito dell’acquisizione di Temis SA, ha comportato lo scioglimento del vincolo di lock-up in essere, come comunicato in data 27 maggio 2015.

Tale operazione è avvenuta in forma cross order sul mercato ad un prezzo pari a Euro 1,95.

This blog is a cross post from Smart Data Collective.

Where there is information, there is also software trying to make sense of it and traditionally, this software is based on keyword technologies. These technologies are so widely used that it is common to think that using keywords is an easy and effective way to access and analyze information. But in reality, this is not completely true.

Keyword technologies use probabilistic algorithms that focus on matching and are not able to make sense of the exact meaning of each word in search. Today’s businesses are dealing not only with traditional structured data, but more and more with the unstructured data (text, email and documents and more) that fill our databanks, file sharing systems and CRMs. Analysts rightly wonder how they can effectively relate the structured with the ever growing volume of unstructured data for something meaningful.

Semantic technology is able to understand a text in a way that emulates human comprehension of information. For example, it can identify that a text is about “education” and “sport” even if it doesn’t explicitly contain the two words, but concepts that are correlated to them (“education”: school, tutoring, teacher, math, etc.; “sport”: game, team, score, football, quarterback, etc.).

More importantly, it also comprehends conversational language and all its ambiguities (slang, abbreviations, multi-language text) to arrive at an understanding of not just words, but the user’s intention. A good example of this at work can be seen in the recent analysis that the social research firm Sociometra conducted using over 30,000 comments made on social media of tourist destinations (museums, monuments, etc.) and general comments about the city of Rome, Italy.

The analysis showcases the technology’s power for analyzing unstructured text and its strength in establishing connections between not just words, but more importantly, concepts. A majority of comments focused on the topics of flights, air travel, taxis, the subway, buses, which the system recognized as within the category of “transportation.” In this way, semantic technology was able to categorize comments based on their stated or implied subject matter and expose a hierarchy of the top concepts mentioned by commenters.

In the same way, it was able to differentiate among even ambiguous information to determine the proper context of the value judgment “cheap” which could be intended as good, frugal or indicating poor quality, disappointing. Without an ability to capture the overall context thanks to a correct linguistic analysis (morphology and grammar, syntax, lexicon), it is difficult to make a distinction between two or more meanings.

Here, it’s not about the guesswork of keywords, but the ability to distinguish one word with many meanings and many words that have or are correlated to the same meaning.

In the business domain, there is a constant need for analysts to understand more and more information. And while there are plenty of good systems to analyze structured data, it requires the constant development (and anticipation of) new lists of keywords and information to train the system so that it is able to discover and share strategic links and patterns between unstructured information and data points within their large databases.

The problem is that most organizations do not have the time or resources to do the regular document training needed to fulfill their needs for deeper knowledge. It’s next to impossible to manually think about all the terms that could have the same meanings or the multiple ways to say something in English or any other language, not to mention all of the other insights or low-lying trends that have been underestimated or overlooked.

Is semantics the panacea for every analyst then? Of course not. Keywords can be useful but we are aware of their limitations. Integrating semantics with keyword technology through faceted search is a hybrid solution that helps further refine search along different paths according to a certain order or category and it could be a solution to start the migration to a full semantic search.

Companies expect more from their unstructured data. It’s not enough to be able to access it, but it can only add value if it is accurately processed.

 

Take objects in your daily life. Now, equip them with technology that allows them collect data and to communicate with each other, and to us, to make our lives better. This is what’s being called “The Internet of Things”. The Internet of Things (IoT) is the network of physical objects that contain embedded technology to communicate and sense or interact with their internal states or the external environment (this according to Gartner, which reports that there will be nearly 26 billion devices on the Internet of Things by 2020.)

As “the internet of things” gets more attention, especially as governments start dedicating funds for it, semantic technology will provide a big differentiator as we train it not only how to think, but to do so more intelligently. Aggregating and analyzing information and semantically connecting it with things, you may obtain “a smarter perspective” with objects that can tell other sensors what to do and why.

 

Smartphone apps are already helping us do a number of things better and more efficiently, saving on our energy costs at home by controlling our heating and interacting with automatic lighting, air cleaning or water systems.

But what if we could connect things to thoughts? Thanks to semantics, we can. This is one of the most important principles on which is based the “smart city” idea of making available unstructured information such as tweets that give up to the minute notification about events, breaking news and other situations. For example: There are children being forced to panhandle at the corner, a car has been parked in the lot for months, there some tree branches are covering the stop sign…and so on… Think of the value that this integrated and contextual information could have for a number of uses.

This kind of information, properly analyzed and integrated with data from other sources (including things), can fill in the big picture that would otherwise be hidden.

Instead of condensing things through a few keywords or simple phrases of text, we can apply true, contextual meaning in a way that would allow us to understand data unambiguously.

 

Modena, 9 febbraio 2016

– Expert System, società leader nello sviluppo di software semantici per la gestione strategica delle informazioni e dei big data, quotata sul mercato AIM di Borsa Italiana, e QR – Quantic Research, subsidiary italiana per l’R&D della Holding Nivi Group SpA, specializzata nella progettazione di soluzioni innovative dedicate, in particolare, al settore della sicurezza, annunciano di avere avviato una stretta collaborazione con l’obiettivo di avviare nuove opportunità commerciali e tecnologiche nell’ambito della difesa e dell’intelligence.

La quantità di dati generata ogni giorno è in crescita frenetica, un inarrestabile flusso di big data che eccede di gran lunga la capacità umana non solo di interpretarli ma perfino di prenderne visione. Si stima infatti che il 90% dei dati oggi disponibili sia raddoppiata solo negli ultimi due anni di pari passo con tipologia e provenienza, sempre più eterogenee: dati strutturati in database, originati da sensori, e dati non strutturati come documenti, ricerche, articoli e notizie, post su blog e social media. Parallelamente, l’esplosione di strumenti sempre più orientati all’utente, basati sulla semplicità d’uso tipica del touchscreen di smartphone e tablet, ha trasformato il modo di rappresentare e navigare le informazioni, aumentando la richiesta di applicazioni in grado di rendere ancora più veloce e intuitivo l’accesso alle tematiche di interesse.

“La crescita della conoscenza a disposizione va di pari passo con l’aspettativa dell’utente di poterne fruire in modo sempre più rapido e intuitivo, ha dichiarato Andrea Melegari, SEVP, Defense, Intelligence & Security. “La collaborazione fra Expert System e Quantic Research si fonda proprio su questi presupposti: sviluppare soluzioni innovative e progettare nuovi prodotti a supporto della disseminazione della conoscenza tattica e strategica in particolare in settori chiave come quelli di Defense, Intelligence, Security.”

La rappresentazione delle informazioni attraverso interfacce di nuova generazione è diventato uno dei problemi più sfidanti dei nostri giorni. La comprensione dello stato di un sistema complesso, infatti, è il vero ostacolo che un utente deve affrontare nella gestione di grandi infrastrutture. Le informazioni sono frammentate su sistemi differenti e rappresentate all’utente finale secondo logiche di interfacce completamente diverse. Questo produce una complicazione per chi deve capire rapidamente cosa sta accadendo e intervenire tempestivamente attivando le procedure definite all’interno della propria azienda.

“Grazie ad un potente motore grafico georeferenziato, Quantic Reserach ha sviluppato soluzioni proprietarie touch per sistemi di comando e controllo che vengono utilizzati oggi all’interno di infrastrutture complesse, dove la disponibilità del dato, la chiarezza di rappresentazione e la sicurezza sono condizioni fondamentali di lavoro”, ha dichiarato Marco de Vecchi, responsabile commerciale di Quantic Research / Nivi Group per le nuove tecnologie. “La collaborazione con Expert System e l’integrazione delle sue soluzioni nella nostra offerta rappresenta per Quantic Research e per il gruppo Nivi un’evoluzione importante nella definizione di un nuovo standard di interfaccia per il comando e il controllo della complessità”.

SharePoint has become commonplace in many organizations across America. But the challenge of promoting its adoption and regular use often remain elusive.

In this session, we will briefly re-visit the topic of Episode #1, Jumpstart your Taxonomy Content Creation, and then discuss how an Expert System enriched WAND taxonomy is deployed and utilized within SharePoint.

An effective taxonomy with precise, accurate categorization is critical for providing access to enterprise information. New content and applications, multiple information repositories and changing organizational structures not only drive demand for organizing and accessing information quickly and efficiently, but also require a taxonomy that grows with you. Traditional approaches often result in a taxonomy that is more complex than what you actually need and do not reflect the granular detail of your content. Ensuring that your taxonomy accurately represents your content cannot be left up to chance.

In this session we will show a live demo, and discuss the advantage of a semantic approach vs. traditional top-down taxonomy approaches; simple methods for facilitating content-driven taxonomy creation; and how linguistic rules creation and refinement is not only easy, but will deliver highly precise results while adding increased flexibility to your enterprise information management strategy.

Register here!

Modena, 28 gennaio 2016

Ha debuttato ieri sul nuovo sito corriere.it l’archivio digitale di 140 anni di storia del Corriere, il più imponente progetto italiano di ricerca e archiviazione editoriale, realizzato grazie all’intelligenza semantica di Cogito: 2,5 milioni di pagine, 8 milioni di pezzi, 22 mila firme dal 1876

Expert System, società leader nello sviluppo di software semantici per la gestione strategica delle informazioni e dei big data, quotata sul mercato AIM di Borsa Italiana, ha sviluppato per il portale Corriere.it un motore di ricerca e un sistema di categorizzazione automatica delle notizie che, applicando l’intelligenza dell’analisi semantica a tutti gli articoli del quotidiano, garantiscono una fruizione delle notizie più rapida e precisa.

Ha debuttato ieri l’archivio digitale del Corriere della Sera, al quale il quotidiano lavora da tempo con il supporto tecnico di Expert System: un’innovazione destinata a ridefinire il panorama dell’informazione del nostro Paese.

Grazie alla capacità unica dell’analisi semantica di Expert System di classificare automaticamente gli articoli in base al contenuto e di recuperarli tramite un sofisticato motore di ricerca, i lettori del principale quotidiano italiano hanno l’opportunità di navigare un patrimonio di informazioni senza precedenti: 2,5 milioni di pagine, 8 milioni di pezzi, 22 mila firme dal 1876 a oggi, 140 anni di storia a portata di clic.

In modo del tutto automatico, la tecnologia semantica Cogito analizza i testi, identifica il senso del discorso grazie alla corretta comprensione del significato delle parole e delle frasi (semantica) e classifica i contenuti in modo preciso e omogeneo per consentire poi un agevole recupero delle informazioni di interesse.

“Siamo molto contenti di aver contribuito alla realizzazione di uno dei progetti editoriali più importanti degli ultimi tempi a livello internazionale”, ha dichiarato Marco Varone, Presidente e CTO di Expert System. “In questo progetto innovativo, la tecnologia semantica svolge un ruolo chiave consentendo agli utenti un accesso facile e mirato ai contenuti di interesse, individuandoli all’interno di una enorme quantità di articoli come quella dell’archivio storico del Corriere.”

On March 7-8, Expert System France will participate in Big Data Paris.

As traditional data processing application and information management solutions become inadequate to face the high volumes of information of this Big Data new era, Expert System provides concrete and relevant solutions to help you resolve your textual data management and analytics challenges.

Expert System France invites you to visit the MarkLogic Partner’s village (Booth #407) where you will be able to meet our team around our Demo Pool. We will also schedule several daily key appointments in the common Demo Space of the partner’s Village.

Moreover, Philippe Manent, Sales Director, Expert System France, will lead a product workshop on Monday, March 7th from 3:30pm to 4:00pm (Room B).

Following its acquisition of TEMIS in 2015, Big Data Paris is a unique opportunity for Expert System France to meet you and make you discover its whole range of semantic solutions for semantic enrichment and unstructured textual data analysis made of Luxid and Cogito product lines.

Big Data Paris
March 7-8, 2016 from 8:30am to 7:00pm
PALAIS DES CONGRES DE PARIS
2 place de la Porte Maillot
75017 PARIS FRANCE
http://www.bigdataparis.com/

Modena, 27 gennaio 2016

Expert System, società leader nello sviluppo di software semantici per la gestione strategica delle informazioni e dei big data, quotata sul mercato AIM di Borsa Italiana, comunica che la presentazione istituzionale della società – che sarà presentata oggi all’AIM Retail Investor Roadshow 2016 – Professional & Private Investors, organizzato da IR Top, Partner Equity Markets di Borsa Italiana, in partnership con Directa SIM, Binck Italia (Gruppo BinckBank N.V.) e IWBank Private Investments (Gruppo UBI Banca), è disponibile sul sito di Expert System nella sezione Investor Relations – Presentazioni.

Modena, 20 gennaio 2016

– Expert System,

società leader nello sviluppo di software semantici per la gestione strategica delle informazioni e dei big data, quotata sul mercato AIM di Borsa Italiana, comunica, ai sensi dell’art. 17 – parte prima – del Regolamento AIM Italia, le date dei principali eventi finanziari per l’esercizio 2016:

27 maggio 2016 Consiglio di Amministrazione Approvazione del bilancio consolidato e del progetto di bilancio di esercizio al 31 dicembre 2015

27 giugno 2016 (I conv.) – 28 giugno 2016 (II conv.) Assemblea Ordinaria Approvazione del bilancio di esercizio al 31 dicembre 2015

28 settembre 2016 Consiglio di Amministrazione Approvazione della relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2016.
Expert System provvederà a dare tempestiva informazione al mercato in caso di eventuali variazioni rispetto alle date comunicate.

Modena, 20 gennaio 2016

Cogito è la prima e unica tecnologia basata sulle potenzialità della comprensione semantica ad essere stata selezionata da “500 Startups” per accelerare lo sviluppo di applicazioni “intelligenti” nell’analisi di dati e informazioni

Expert System, società leader nello sviluppo di software semantici per la gestione strategica delle informazioni e dei big data, quotata sul mercato AIM di Borsa Italiana, annuncia l’ingresso di Cogito in “500 Startups”, il più ambito programma di accelerazione della Silicon Valley, fra i più prestigiosi del mondo. L’intelligenza di Cogito sarà pertanto a disposizione delle nuove imprese digitali di “500 Startups” per consentire alla comunità degli sviluppatori di arricchire e sviluppare applicazioni di cognitive computing per l’analisi di dati e informazioni.

“Siamo onorati di essere la prima e unica soluzione di analisi semantica a disposizione della comunità di 500 Startups, e siamo entusiasti di entrare a far parte di un gruppo di elite che comprende alcune delle soluzioni tecnologiche più innovative specificamente progettate per supportare il business delle aziende emergenti”, ha dichiarato Luca Scagliarini, VP Strategy & Business Development di Expert System. “Cogito consentirà ai team di sviluppo di creare applicazioni in grado di aumentare le capacità di trovare, condividere e capitalizzare facilmente e rapidamente la conoscenza a disposizione e, di conseguenza, accelerare il business.”

La comunità di “500 Startups” potrà utilizzare Cogito per analizzare grandi volumi di dati non strutturati (documenti, siti web, applicazioni CRM, basi di conoscenza, notizie e altre informazioni open source relative a mercato, concorrenza, potenziali clienti, trend, ecc.) per perfezionare le funzionalità di soluzioni già esistenti o creare nuove applicazioni con la certezza di aumentare le possibilità di proporre sul mercato prodotti di successo, sfruttando le potenzialità uniche della comprensione automatica.

Attraverso l’analisi e l’elaborazione del linguaggio naturale, Cogito analizza in modo veloce e accurato qualsiasi tipo di testo e fornisce il set più completo di dati semantici, applicando la capacità della tecnologia di Expert System di comprendere il significato di parole e frasi in base al contesto, per permettere l’accesso all’informazione giusta al momento giusto, indispensabile per i processi strategici aziendali e la competitività.