Più valore alle interazioni con i clienti grazie all’intelligenza artificiale di Eudata ed Expert System

Chatbot di nuova generazione, basati sul cognitive computing, per migliorare la relazione con i clienti e convertire l’occasionalità di un contatto in nuove opportunità

Eudata ed Expert System uniscono le forze per affiancare le aziende a innovare la relazione con i clienti, sfruttando le potenzialità dell’intelligenza artificiale nelle attività di assistenza, supporto alle vendite e al marketing.

Grazie all’integrazione fra la tecnologia cognitiva Cogito e la suite omnichannel di Eudata, le aziende avranno l’opportunità di implementare rapidamente sistemi conversazionali (chatbot). Tali sistemi generano lo spostamento dal modello dove le persone si adattano al computer a quello dove è il computer ad adattarsi alle aspettative delle persone, con un duplice vantaggio: offrire agli utenti nuove modalità di accesso alle informazioni di interesse attraverso il dialogo automatico human-like, cioè esprimendosi liberamente come si farebbe via chat; incrementare l’efficienza operativa delle aziende, automatizzando attività ricorrenti che non richiedono capacità specifiche o competenze specializzate (recupero di informazioni standard, necessità di assistenza più comuni, richieste di preventivi, offerte comuni, ecc.).

“Oggi assistiamo a un incremento esponenziale di interfacce conversazionali con cui gli utenti convivono e che si aspettano di usare nel dialogo con le aziende.” ha dichiarato Sandro Parisi, CEO e founder di Eudata. “Questo si trasforma per i nostri clienti in volumi significativi di interazioni da gestire. Per migliorare l’esperienza cliente e non far lievitare i costi in modo incontrollato la soluzione più rapida è avvalersi di BOT. Eudata ed Expert System hanno voluto dare una risposta congiunta a questa esigenza del mercato, creando una soluzione dedicata alle grandi aziende con cui indirizzare rapidamente le esigenze, garantendo scalabilità, capacità di integrazione in contesti complessi e allineamento con le esigenze di business.”

“L’attenzione che le aziende rivolgono ai sistemi di intelligenza artificiale per customer care, vendite e marketing sta aumentando significativamente”, ha dichiarato Alessandro Monico, Sales Director di Expert System. “La nostra offerta chatbot è rivolta a dare una risposta concreta proprio a questo trend, mettendo a disposizione i benefici delle funzionalità cognitive di Cogito attraverso la piattaforma di Eudata per garantire sempre più efficacia, semplicità e livelli di efficienza incrementali.”

I sistemi chatbot di Eudata ed Expert System possono essere resi disponibili su dispositivi fissi, mobili o kiosk, con la possibilità per gli utenti di stabilire il dialogo via sms, email, persistent chat, Facebook, Twitter, Facebook Messenger, Telegram, Skype for business, real time chat. In modo estremamente semplice è inoltre possibile coinvolgere operatori umani con un passaggio di consegne dal BOT contestualizzato e trasparente per l’utente.

To be successful, any business strategy must incorporate social media. Organizations need to be able to hear the conversations taking place about your company and your brand in order to reach the right people at the best time with the most insightful content. Social media monitoring is exactly what you need to achieve this.

Many companies might think that social media monitoring is just tracking mentions and replying when prompted. Nothing could be more wrong.

Social media monitoring is the use of tools to listen to millions of conversations on the web to determine what is being said about a particular brand, issues, people or producst, and to discover opportunities. It is how we monitor the web world. Social media monitoring can be passive, for example, listening to people to discover what interests them, or it can be active, searching for references to your brand, campaigns or actions.

Social media monitoring is not just about social networks, but it the entire web, including forums, blogs, news sites, communities and anywhere that conversations take place on the web.

How does social media monitoring work?

Most social media monitoring tools work by continuously crawling and indexing sites, sometimes in real time, such as Twitter. Once all of those sites are indexed, they can then be searched to find mentions, opinions and sentiment on specific products, brands, companies, people, places, etc.

The unstructured data created by millions of users posting and tweeting each day can fuelcompetitive advantages and help support marketers and other decision makers make more informed, critical decisions. This is possible if you can distill those millions of posts and tweets down into concrete information, and when you are able to understand what the users are actually saying. On social media, users express themselves using their own language: if you want to understand what they are saying, you need to understand all of the ways they communicate: slang, jargon, acronyms, abbreviations and so on.

Using cognitive computing technology, social media monitoring tools can really understand users and what they express on social media, comprehending intent, sentiment, opinion and preferences.

Why is social media monitoring so important?

Customers want to be sure that their opinion is heard by the companies they are targeted on social media, and it is relevant for other people in order to actively contribute to change or fuel improvements for the services and products that they buy.

By listening to conversations on social channels and on the web, companies can identify new opportunities or collect worthwhile feedback and information about competitors. The possibilities for what you may discover using social media monitoring is only limited by your imagination.

Il mercato “PIR compliant” presenta le eccellenze e le pmi innovative

– Expert System, leader nel mercato di cognitive computing e text analytics, annuncia la partecipazione all’AIM Investor Day 2017, l’evento annuale di riferimento per Investitori e Stampa economico-finanziaria, durante il quale sarà data visibilità a selezionate storie di successo di PMI leader nei propri settori, saranno approfonditi bilanci 2016, modelli di business e progetti di sviluppo strategico.

Nel corso dell’evento, che si terrà il prossimo 6 aprile a Milano nella sede di Borsa Italiana (Palazzo Mezzanotte, Sala Convegni), Stefano Spaggiari, Amministratore Delegato di Expert System, presenterà la società ai partecipanti.

La presentazione di Expert System sarà resa pubblica la mattinata dell’evento sul sito della società nella sezione Investor Relations – Presentazioni.

Lettera43

– Bill Gates, fondatore di Microsoft, pensa che sia necessario tassare i robot che svolgono lavori umani, dimenticando forse con troppa facilità come anche la diffusione dei software per l’automazione di ufficio (fogli elettronici, programmi di videoscrittura, database, eccetera) abbia di fatto già sostituito il lavoro di molti impiegati amministrativi. Altri sostengono che sia responsabilità delle organizzazioni che producono o adottano applicazioni di intelligenza artificiale attivarsi per la riqualificazione dei lavoratori sostituiti dai robot.


Leggi l’articolo di Andrea Melegari, SEVP Defense, Intelligence & Security, Expert System

The volume of publicly available information is increasing exponentially and, consequently, the importance of open source intelligence to the military is also growing. Today’s public source information—not only classified information—can be extremely useful for anticipating threats to security and safety at the local, national and international level.

Intelligence analysts need to be able to obtain visibility, context and insight from different types of data and information such as news feeds, reports, webpages, wikis, blogs, forums and chats, social media, etc. to identify risks and opportunities relevant to military needs.

In general, analysts must be able to collect all of the information useful for military operations, both strategic and tactical, related to weapons, geolocation, foreign countries, adversary forces, civilian populations, military capabilities, etc.

A scenario for understanding the importance of open source intelligence to the military

Here is a common scenario that is typical of military operations.

Every day, at his desk, an OSINT and intelligence analyst creates the organization’s reports used to identify indicators and warning signs to support military intelligence. To do this, the analyst must rely on a variety of information sources (local newspapers, climate conditions, military reports, social communications between members of different groups, etc.). The value of open source intelligence is its ability to make use of all of the information available on the web, as well as in proprietary knowledge bases and institutional community sources. In analyzing this information, the analyst must manage a large amount of information and focus in on the areas of greatest interest before it’s too late.

Capturing what happened and what might happen

One key factor of successfully managing military intelligence is real-time analysis. Analysts must be able to identify not only the past risks (what already happened), but also what is currently happening, as well as future threats (what might happen). Naturally, the sooner you can capture these signals, the better.

Traditional applications – keyword- or statistics-based or those that apply matching algorithms – are quite limited in their ability to manage open source information. They cannot handle the complexity and diversity of this data, they cannot distinguish between the shades of meaning, and they cannot achieve a high level of performance for all phases of intelligence process. They just monitor and extract keywords, not events.

The importance of open source intelligence to the military becomes real and tangible if you use a software that reads like a person would, automatically extracting the information that is relevant for your analysis. Cogito is a software that can read and comprehend human information in content, categorize information and identify relationships between concepts. Cogito enhances the strategic value of both classified and unclassifed information. 

 

 

Expert System annuncia la nomina di Stefan Welcker a Managing Director DACH (Germania, Austria, Svizzera). Con un’esperienza di oltre 20 anni nell’ambito dell’information technology, Stefan Welcker avrà l’incarico di guidare la crescita di Expert System nel mercato di lingua tedesca, subentrando a Stefan Geissler, che entra a far parte del team di ricerca e sviluppo della società nel ruolo di Senior Cognitive Scientist.

Claudio Palmolungo, Executive Vice President Europe di Expert System ha così commentato la nuova nomina: “Siamo contenti di dare il benvenuto a una persona di straordinaria capacità di business ed esperienza come Stefan. Nell’area DACH, sempre più organizzazioni hanno deciso di adottare l’intelligenza artificiale: con il supporto di Stefan, puntiamo a rafforzare la nostra presenza in questo mercato, continuando ad affiancare le aziende a generare valore sfruttando le nostre soluzioni cognitive.”

Prima di entrare a far parte di Expert System, Stefan Welcker è stato managing director della società di investimenti CF2O. Precedentemente, ha guidato il processo di trasformazione di Lexmark (già Perceptive Software) da fornitore hardware a leader in soluzioni tecnologiche nell’Europa centrale e orientale.

Nel corso della sua carriera, Stefan ha svolto un ruolo strategico nell’aiutare aziende del calibro di E.ON, Airbus, EADS, Siemens, Nestle, BAT and Swiss Re ad evolvere e ottimizzare i processi sfruttando i vantaggi dell’intelligenza artificiale.

“Faccio il mio ingresso nel gruppo Expert System in un momento cruciale,” ha dichiarato Stefan Welcker. “L’interesse nei confronti dell’intelligenza artificiale è diffuso in ogni settore, ed Expert System è in prima linea nell’ambito del cognitive computing e della text analytics. Sono entusiasta di unirmi a una realtà così dinamica e innovativa e di condurne ulteriormente crescita e successi nel mercato di lingua tedesca.”

Expert System, leader nel mercato di cognitive computing e text analytics, annuncia la partecipazione all’evento “Il ruolo del capitale di terzi nello sviluppo del digitale in Italia”, organizzato da KT&Partners.

Nel corso dell’evento, che si terrà il prossimo 16 marzo a Milano presso Palazzo Parigi Hotel & Grand Spa, Stefano Spaggiari, Amministratore Delegato di Expert System, presenterà la società ai partecipanti.

La presentazione di Expert System sarà resa pubblica la mattinata dell’evento sul sito della società nella sezione Investor Relations – Presentazioni.

“Who is Elena Ferrante?” This question gave us the chance to explore author Elena Ferrante’s language and style using text analysis.

While the name Elena Ferrante is known worldwide, until now there no conclusive biographic details about the writer’s true identity. While there has been much speculation around this (according to recent reports, Elena Ferrante could be Anita Raja), there has been no confirmation from Ferrante. The question “who is Elena Ferrante?” still remains unanswered.

This is the sort of enigma that we love at Expert System, and to answer this question, we developed an independent analysis. Based on Cogito cognitive technology, in this text analysis example, we compared the literary style of Elena Ferrante with that of four of the most cited candidates behind the Ferrante pseudonym (translator Anita Raja, Raja’s husband and author Domenico Starnone, novelist Marco Santagata and essayist Goffredo Fofi).

What we discovered in our text analysis example focusing on the language and style of Elena Ferrante

For our text analysis, we took into consideration hundreds of different elements that provide accurate data on the language used in texts, all of which were automatically calculated by Cogito. For our text analysis example, we consider elements such as legibility, text structure, lexical analysis and richness, etc.

If we consider the comprehensive analysis of all elements, Domenico Starnone is most similar to Elena Ferrante from a linguistic and stylistic point of view. However, looking at these elements individually reveals different results. The results of the individual analysis shows major differences between Ferrante and Starnone and reveals greater similarity between Ferrante and author Marco Santagata.

To access the full text analysis, including additional data analysis of “Who is Elena Ferrante?” click here

Lettera43

– Ogni secondo su Facebook viene pubblicato mezzo milione di nuovi commenti. Basta riflettere su questi numeri per comprendere la ragione alla base della crescente pressione esercitata da molti governi sul più famoso dei social network, affinché adotti efficaci misure contro la diffusione di delle “fake news”, cioè le notizie false. Ormai è incalzante il pressing della presidente della Camera Laura Boldrini, che si è rivolta direttamente al fondatore Mark Zuckerberg denunciando che l’Italia «sconta scarsa collaborazione da parte della sua azienda anche sul fronte della disinformazione, al contrario di quanto avviene in Germania o in Francia».

Leggi l’articolo di Andrea Melegari, SEVP Defense, Intelligence & Security, Expert System

Analisi Difesa

– Il saldo della bilancia commerciale cybersecurity, ovvero la differenza tra il valore delle esportazioni e quello delle importazioni di prodotti e servizi, vede l’Italia registrare un profondo passivo.

Oltre al mero disavanzo contabile in un mercato globalmente importante (gli analisti stimano trend di crescita del 15% ed un business del valore di oltre 200 miliardi di dollari annui nel 2022), tale situazione pone il Paese in una pericolosa posizione strategica.

In altri editoriali di questa rivista è già stato ampiamente dibattuto circa la “ non opportunità” di affidare a società straniere la sicurezza informatica delle infrastrutture strategiche nazionali, manifestando il dubbio di come tali società possano avere un legame con l’intelligence dei loro paesi di origine.

Leggi l’articolo di Andrea Melegari, SEVP Defense, Intelligence & Security, Expert System